5 motivi per cui dovresti iniziare a scrivere

Scrivere è per molti una passione, par altri una condanna, spesso legata agli anni della scuola o l’Università in cui eravamo costretti a riempire pagine di fogli bianche con nozioni che avevamo faticosamente appreso con più o meno piacere.

La scrittura certo non si improvvisa e non sono qui per dare consigli su cosa o come scrivere, tuttavia vorrei condividere con voi alcuni motivi per i quali dovresti vedere la scrittura come un piacevole sfogo e un modo unico per comunicare, finendo (forse) per innamorartene.

1- Scrivere ti permetta di fare ordine fra le idee

Tante volte succede che facendo ordine nella nostra stanza ci capita di trovare qualcosa che pensavamo di aver dimenticato o perduto da qualche parte.
Con la scrittura è uguale: alle nostre idee serve un certo rigore per essere trovate o semplicemente rispolverate dopo averle abbandonate in qualche meandro della mente.
Scrivendo ci abituiamo a mettere in ordine le nostre idee in un pensiero razionale e coerente, molto spesso rileggendo ciò che scriviamo capita di notare particolari a cui non avremmo fatto caso se ci fossimo affidati alla nostra immaginazione.
È un po’ come essere dentro un labirinto e improvvisamente sollevarsi e volare, oltre quelle siepi che ci offuscavano la vista, per osservare il percorso dall’alto e vedere chiaramente la strada che dobbiamo seguire per trovare l’uscita.



2- Scrivere ti regala le chiavi per il tuo mondo personale

In quanti di noi si sono persi a fantasticare ad occhi aperti un mondo parallelo in cui le cose sono esattamente come le immaginiamo? 
Ebbene, scrivendo quelle immagini potranno prendere magicamente vita, fra le parole ci sono montagne verdi, fra le righe del tuo testo si potranno scorgere quelle cascate mozzafiato che fanno da arcobaleno a un castello incastonato fra le rocce.
E senza volare troppo con la fantasia, scrivendo puoi dare una forma concreta alle tue idee, divulgarle in modo chiaro e scorrevole, facendole scorrere come un fiume diretto al mondo esterno.



3- Scrivere ti fa conoscere un’altra parte di te

Chi si avvicina alla scrittura per la prima volta spesso si trova a fare i conti con la parte più riflessiva di sé che non conosceva, quella più profonda che, costretta a concentrarsi nel momento magico in cui le idee si trasformano in parole, vede quel fluire come un qualcosa di estraneo ma incredibilmente attraente.
È facile innamorarsi di ciò che si scrive, ma bisogna fare attenzione a mantenere la nostra anima critica viva, per non cadere in un pericoloso “narcisismo letterario”.
Narcisismo che si trasforma in curiosità quando si comprende il potenziale del nostro riflettere sulle idee che prima osservavamo con sincera devozione e ora invece selezioniamo accuratamente come un cercatore d’oro scarta le pepite di poco valore.



4- Scrivere ti rende responsabile delle tue idee

Il famoso proverbio latino verba volant, scripta manent è la sintesi perfetta di questo punto.
Scrivendo abbiamo la possibilità di diffondere in modo rapido e diretto le nostre idee, i nostri pensieri circa uno specifico argomento o semplicemente le nostre storie.

“Da grandi poteri derivano grandi responsabilità” direbbe lo zio Ben al nipote Peter Parker, alias Spiderman. E in effetti gli scrittori sono un po’ dei supereroi armati di penna, una penna che tante volte può veramente ferirne più che una spada. Per questo scrivere offre la chance di responsabilizzarsi e diventare “maturi” idealmente parlando, ovvero mettere sulle spalle onori ed oneri di ciò che decidiamo di portare alla luce con le nostre parole.
Una responsabilità quasi scontata, ma non per tutti.


5- Scrivere ti rende libero.

C’è poco da dire, poche cose come la scrittura sono sinonimo di libertà, da quando ci si batteva per combattere l’analfabetismo alle lotte contro le tirannie per la libertà di stampa.
Gli ideali romantici quando si parla di scrittura si sprecano, ma al giorno d’oggi in Italia parlare di libertà vuol dire anche parlare di scelta. Scelta di metterci la faccia e dire la nostra con un articolo su un blog, una poesia, una canzone, un libro o un racconto breve, anche con un murales.

Scrivere ti rende libero perché poche cose ti regalano l’ebrezza di vedere le tue idee prendere forma e poterle condividere con il mondo, sentirle apprezzate o, al contrario, criticate. 
Scrivere ti rende libero perché nulla al mondo vale come la forma delle tue idee, e il padrone sei tu, con le tue parole, le tue figure retoriche e il tuo stile.

Scrivere ti rende libero perché, in fondo, non c’è nulla come scrivere.

Articolo scritto da Andrea Caenazzo.

E dopo che facciamo?

“E dopo che facciamo?” Quante volte hai pronunciato questa frase?

Magari avevi finito di fare la doccia e hai detto a voce alta: “ Ho quasi finito, e dopo che facciamo?” oppure hai dei figli e ti senti ripetere costantemente, “Mamma, Papà, e dopo che facciamo?” o sei proprio tu il figlio o la figlia che lo chiede.

Oppure era un sabato o un venerdì sera e nella chat di gruppo con gli amici è uscita la domanda “E dopo che facciamo?”

Già, una semplice frase racchiude un’infinità di possibilità.

Questo “dopo” apre l’orizzonte a qualcosa che in realtà non sappiamo bene neanche noi. In questi mesi abbiamo espresso tanti desideri, una lista infinita di “poi vorrei…”, e adesso?

Ecco adesso abbiamo una lista e una vita per poterla realizzare, con le dovute accortezze e precauzioni, rispettando le norme, con attenzione e cura per noi e per i nostri cari, ma il “dopo” è arrivato o manca qual tanto che basta per ricominciare a sognare. E come ogni nuovo arrivo mette un po’ paura.

Non siamo più le stesse persone che eravamo due mesi fa, non lo saremmo state comunque, perché in ogni giornata può accadere qualcosa che ci cambia e ci trasforma, ma adesso, adesso siamo tutti un po’ cambiati.

La condivisone di un momento critico che è stato lo stesso per ognuno di noi, ci ha portati a cambiare. Certo ognuno lo ha vissuto a modo suo.

Ma a casa c’eravamo tutti, chi era in preda all’isteria del lievito madre, chi con la scusa delle passeggiatine clandestine ha continuato a fare come voleva, chi invece ha avuto più di una volta il desiderio di lanciare il computer durante lo smartworking, chi aveva l’ansia delle lezioni online, chi ha avuto gli esami a distanza, oppure tutti quelli delle lauree non festeggiate, dei compleanni in solitaria, chi ancora ha avuto l’ansia degli amori appena nati perché chissà se avrebbero resistito alla quarantena, o quelli degli amori appena finiti che hanno contribuito a rendere le giornate più pesanti, chi ci è andato pesante con l’alcol perché per un secondo allontanava i pensieri, chi ha letto libri, chi ha visto i film e le serie tv che non aveva mai avuto il tempo di vedere, le abbiamo iniziate e adesso quando le finiremo?

Dopo che faremo? Come ricominceremo? A casa abbiamo ricostruito o distrutto noi stessi, le nostre convinzioni, e le nostre paure. E adesso?

Adesso ci siamo noi, con le nostre preoccupazioni e le nostre speranze, perché adesso c’è un Italia da ricostruire e tanto amore da ritrovare.

Abbiamo messo da parte la parola noi e adesso dobbiamo andare a riprenderla, ognuno a modo suo e con il giusto rispetto degli altri.

Io se potessi esprimere un desiderio, vorrei che adesso fossimo più consapevoli di quanto la presenza degli altri nelle nostre vite ci illumini e che se dobbiamo arrivare da qualche parte è più bello se ci arriviamo insieme. Ognuno con la sua peculiarità.

Perché ora sappiamo quanto vale quell’abbraccio che prima davamo con poca importanza, con abitudine e di fretta, senza darci peso.

Ora lo sappiamo quanto vale un bacio, una carezza, vedere il sorriso non solo negli occhi, ma nelle labbra, sentire la pelle, sentire l’amore.

Ora lo sappiamo perché è quello che ci è mancato e probabilmente che ci continuerà a mancare ancora un pò, ma adesso è il tempo di ricominciare a vivere come se fosse la prima volta, di innamorarci di nuovo della vita o di chi vogliamo come se non lo avessimo mai fatto, con rispetto, cura ed attenzione, perché ciò che c’è stato non si ripeta per colpa dell’avventatezza e del poco rispetto delle regole.

Quindi, dopo che facciamo? Io direi: Andiamo o vediamo come poterlo fare, ma non dimentichiamo!

Articolo di Agnese Torre.

Amiamo l’Italia anche domani

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a numerose manifestazioni d’affetto per il nostro Paese: le serenate dai balconi, l’inno di Mameli trasmesso a reti unificate in tutte le radio, bandiere sventolate con orgoglio nelle terrazze e in generale un sentimento di solidarietà che ha invaso tutta la penisola.

Non eravamo più abituati a tanto patriottismo, ci mancava davvero quello spirito d’italianità che ci contraddistingue solitamente solo con i nostri azzurri del calcio e, probabilmente, tanti di quei tricolori svolazzanti portavano ancora addosso la polvere delle cantine da quell’ormai lontana estate del 2006, quando Marco Civoli ai microfoni Rai urlava emozionato “il cielo è azzurro sopra Berlino! Siamo campioni del Mondo!”.

Si sa che poche cose smuovono un popolo latino come il nostro, una è sicuramente il calcio, l’altro fattore lo stiamo conoscendo ora, e si chiama dolore. Il dolore che invade una nazione intera che, dopo la Cina, sperimenta per prima sulla propria pelle un sentimento di paura e immobilità che pian piano ha invaso prima il resto d’Europa, poi il mondo intero.

La vera domanda è: quanto durerà questa ritrovata unità nazionale che ci ha travolto improvvisamente?

Le continue lotte Nord-Sud e gli inutili campanilismi sono stati messi da parte per affrontare come fronte unito un nemico comune, che non fa distinzioni territoriali.

Anche una parte della politica sembra aver capito che gli interessi di un popolo vengono prima di quelli partitici, anche se, come sempre, ci sono delle eccezioni, ma noi non faremo nomi e cognomi.

Quando tutto sarà finito, perché prima o poi finirà, ci troveremo a raccogliere i cocci di una Nazione la cui economia è stata messa in ginocchio da qualcosa di più imponderabile di ciò che ha scatenato la crisi del 2008, qualcosa di strutturalmente diverso, che non significa necessariamente peggiore.

Perché allora è crollato un determinato tipo di sistema economico basato sui mutui subprime che, a catena, ha scatenato una spirale recessiva sempre peggiore anche fuori dagli USA.

In questo caso parliamo di una sospensione economica “forzata”, paragonabile a quella causata da una guerra, alla quale necessariamente seguirà una ripresa.

E quando ci sarà questa ripresa, noi dovremo esserci.
Parlo di noi rivolgendomi a tutti quei giovani che per primi hanno il dovere di credere in una Nazione che solo ora ha riscoperto l’unità e l’amore di un popolo che ha un enorme potenziale per dare di più e far vedere al resto d’Europa che le risorse umane non mancano. Perché è giusto valorizzare non solo le nostre bellezze culturali e paesaggistiche, ma anche le menti brillanti che ogni giorno vengono sfornate dalle università italiane.

Abbandoniamo definitivamente questo stereotipo prettamente italiano che vede nel mito esterofilo una promessa di successo, come se la soluzione a tutti i mali fosse scappare in un altro paese e lasciare la scuola che ci ha formato culturalmente, donandoci quella creatività, quell’estro e quel genio che ha reso l’Italia patria di Dante, Leonardo, Galileo, Alessandro Volta e Brunelleschi.

Certo, i problemi strutturali ci sono, nessuno lo nega, ma siamo sicuri che la soluzione sia lasciare che qualcun altro se ne occupi? Oppure spetta a noi rimboccarci le maniche e dare per primi l’esempio di una generazione che vuole essere ricordata per quella che ha avuto il coraggio di prendere per mano l’Italia e tirarla fuori dal guado della crisi scatenata dal Coronavirus?

Le eccellenze italiane non mancano, ma dovrebbero essere ancor più valorizzate ed essere guardate come esempio, piuttosto che prendere come punto di riferimento solo le Start Up della silicon valley.

La silicon valley italiana può essere la Lombardia, la Sicilia, la Toscana, il Veneto o l’Umbria; ogni regione, ogni comune, ogni frazione può essere la culla di qualcosa di importante se i primi a crederci siamo noi giovani.

E allora ben vengano le iniziative personali, le idee pazze, le idee improbabili, i progetti fatti con amici con l’idea di sbarcare il lunario, anche se potremmo fallire miseramente. Perché l’importante è rialzarsi ogni volta, credere ciecamente in ciò che si fa e non abbandonare gli obiettivi solo perché qualcuno dice che “in Italia non funziona niente”.

La verità è che in Italia non vogliamo far funzionare niente, perché è la scusa dei mediocri, di quelli che si arrendono e preferiscono dare la colpa a un sistema malato, facendo combattere qualcun altro contro i mulini a vento.

Il Coronavirus ce lo sta insegnando: otteniamo risultati solo se siamo uniti, se tutti agiamo con solidarietà e determinazione.

Quindi non ascoltiamo le cassandre della crisi, chi sputa nel piatto dove ha mangiato per una vita, prevedendo per le nuove generazioni un futuro di stenti dove l’unica soluzione possibile è fuggire, come i nostri bis-nonni con il mito dell’America.

Il mito è l’Italia, lo è sempre stato, non lo riconosciamo perché siamo sempre stati troppo impegnati a farci la guerra per una partita di pallone, a proclamare le indipendenze regionali o a riempirci la bocca con il populismo da social network.

Abbiamo un patrimonio immenso, una civiltà che tutto il mondo ci invidia e ora abbiamo anche dimostrato di poter essere anche un popolo davvero unito.

Dimostriamolo sempre, per davvero, prendiamoci per mano noi giovani per primi e senza guardare indietro puntiamo al futuro, mantenendo i piedi sulla terra del Paese più bello del mondo.

Articolo scritto da Andrea Caenazzo

Revenge Porn, l’intimità violata

Il termine anglosassone “Revenge Porn”, o “revenge pornography”, associa la parola “vendetta” (revenge) a quella di pornografia ed è uno dei fenomeni dell’era 2.0.
Si tratta di una pratica, più diffusa di quanto in realtà si pensi e consiste nella diffusione illecita di immagini e video, a sfondo sessuale, su internet senza il consenso dei “protagonisti” che ritrovano a volte ignari le proprie foto private sul web.

Vittime, spesso di una vendetta, dopo la fine di una relazione con la quale il proprio ex partner decide di vendicarsi inviando le foto intime della vittima ad amici o gruppi sul web. Ed è quello che emerge da un’inchiesta di Wired sul colosso di messaggistica instantanea Telegram, una rete di 21 canali con quasi 50mila di iscritti e oltre 30 mila messaggi al giorno dove vengono postate e vendute foto intime di donne (spesso di ragazzine minorenni) e uomini. Utenti, che tramite un nickname, in anonimato scambia o acquista materiale pornografico e pedopornografico ad insaputa delle vittime. Ma non solo, spesso il tutto è accompagnato da link sui profili privati delle vittime o numeri di cellulari delle stesse.
Basta leggere qualche commento, per capire come questo fenomeno nasconde in realtà un fenomeno sociale ben più preoccupante, ed è quello di chi si sente in diritto di esercitare il proprio potere sul corpo di qualcun altro anche solo tramite la diffusione di un’immagine.

Perché se è vero che spesso le vittime sono inconsapevoli degli scatti, è anche vero che capita che questi scatti siano fatti proprio dalle stesse vittime, che durante una relazione magari “giocano” con il proprio partner, inviando loro foto, video o messaggi con riferimenti hot. Viviamo nell’era digitale, il mondo 2.0 che spesso si “mescola” con il mondo reale, dove le relazioni non sono più fatti di incontri al bar, cene romantiche o chiacchiere in palestra, ma sono fatti pure di like, condivisione dei propri momenti della giornata, di video e di selfie con amici, partner e familiari.

La linea sottile fra le due realtà tende a svanire così pure i commenti di chi si sente in diritto di giudicare gli altri, sempre. “Se l’è cercata”, ”è stata ingenua”, “quella gonna è troppo corta, quella maglietta troppo scollata”, frasi allusive, intenzioni, opinioni che si celano dietro ad un sistema corrotto e falso moralista, che giustifica azioni ingiustificabili, invece di condannare chi viola il diritto alla libertà.

L’uomo è un animale sociale, approvazione, appartenenza, condivisone sono tante sfumature di un unico rapporto, quello basato sulla fiducia. Ed è per questo che bisogna sempre pensare che la fiducia così come la libertà, sono due facce della stessa medaglia. Considera sempre, al di là del rapporto che hai con la persona a cui la invii, che questo può cambiare o che per sbaglio (smarrimento del telefono, hackeraggio, invio sbagliato, etc) queste immagini possono essere diffuse. Qualsiasi immagine su internet lascia una scia identificativa e non sarà difficile risalire al proprietario dell’immagine. Se invece sei o pensi di essere vittima di revenge porn, contatta (anche se sei minorenne) la polizia postale o l’associazione

Inviare una propria foto, qualsiasi sia il rifermento, o scegliere un abito piuttosto che un altro è la libertà di ognuno di noi, nonché il diritto personale di poter decidere. Il nostro dovere è quello di creare un sistema nel mondo in cui la dominazione (metaforica e non) sull’altro sia solo un vecchio ricordo. Un sistema che lasci che ogni donna ed ogni uomo abbia il diritto di esprimersi come consentire la non proliferazione della Pornografia Non Consensuale (NCP & “Revenge Porn”) così senza fine di Lucro e di promozione sociale Permesso Negato, che si occupa di applicare nel concreto tecnologie, strategie e policy per come altre forme di violenza ed odio online, facilitando l’individuazione, il recupero, il reporting e la rimozione dei contenuti dalle principali piattaforme online.

Un sistema che lasci che ogni donna ed ogni uomo abbia il diritto di esprimersi come meglio creda, e soprattutto che abbia gli strumenti per contrastare quei fenomeni che ne limitano la libertà. 

Il reato di renvenge porn è punibile dalla legge: nell’Agosto 2019 è entrato in vigore l’art. 612 ter c.p.: la campagna di sensibilizzazione #ancheperte, ideata da Maieuticar, per contrastare il Revenge Porn e far comprendere che tale fenomeno, oltre che disumano, è anche reato, recita tale testo della legge.

Video #ancheperte:

Articolo di Vanessa Occhione.

Sii gentile

Ciao, come stai? Sai noi non ci conosciamo, ma a me sembra che tu ed io ci conosciamo da sempre, e se hai la pazienza di leggere queste righe, ti spiego il perché.

Io ho due mani, due gambe, due occhi, un solo naso, una sola bocca, ho dei capelli, ho anche dei peli, e come ultimo, ma forse per primo sono una donna, certo tu potresti dirmi che tu che stai leggendo queste parole sei un uomo, ed allora alla luce di questo fatto io e te non siamo poi così uguali, anzi siamo proprio diversi, eppure che tu sia un uomo o una donna, perché anche le donne sono tutte diverse lo sai? Beh, io credo che io e te, io qui a scrivere e tu, dall’altra parte dello schermo, siamo uguali e sai perché?

Perché se ti dicono qualcosa di divertente ridi, se ti accade qualcosa di brutto piangi, se sbatti il mignolo del piede sinistro ad uno spigolo urli, se qualcuno ti dice ti amo sei terrorizzato oppure senza fiato dalla felicità, e se qualcuno fa qualcosa che non ti piace, ti arrabbi.

Ecco sulla base di questo, mettiamo che io e te, che non ci conosciamo, che abbiamo una storia diversa, viviamo in luoghi diversi, e la nostra genetica è assolutamente differente, siamo uguali.

Siamo uguali perché io ho le mie battaglie, e tu hai le tue, io ho i miei desideri e tu i tuoi, ma hai a modo tuo ognuna di queste cose.

Quando ci è stato chiesto di fermarci la tua vita era lì con te e le conseguenze di questo blocco, ti hanno portato lontano dai tuoi cari, ti hanno esposto a un rischio altissimo, e questo vale sia per chi ha la possibilità di stare in casa, ma vale soprattutto per tutti quelli che stanno dando il loro tempo per salvare ogni singola vita di questo paese.

C’è chi lavora in un ospedale o nelle forze dell’ordine e anche loro hanno una famiglia, lo sai? Sono madri, padri, mogli, mariti figli, figlie, sorelle, fratelli e magari non possono vedere i propri cari per non metterli a rischio, c’è chi lavora in un supermercato e mette la sua vita in pericolo per permetterti di continuare a mangiare, o ci sei tu che sei a casa, e magari sei tornato dall’estero e non hai potuto abbracciare i tuoi cari anche se non li vedevi da tanto, o tu invece che vivi in casa con dei genitori anziani, malati, disabili, sai che sono fragili e per il loro bene hai limitato la tua vita, o ci sei tu che hai una famiglia e non puoi permetterti di non lavorare se vuoi darle da mangiare.

Quello che sento ripetere più spesso in questi giorni è che dobbiamo limitarci.

Ecco, io direi che forse dire che “ci stiamo limitando”, che “ci stiamo chiudendo” sono parole che portano a pensieri negativi, e ad un senso di oppressione del quale non abbiamo veramente bisogno in questo momento.

Se dobbiamo combattere i pensieri negativi ed evitare il terrorismo psicologico a cui alcuni media che fanno mala informazione ci stanno esponendo, allora iniziamo a utilizzare parole di apertura.

Io, che non sono nessuno, ma so come ci si sente ad essere amata dai miei cari e che faccio del mio meglio per amarli a mia volta, ti direi che noi non ci stiamo limitando, ma ci stiamo prendendo cura, noi non ci stiamo chiudendo in casa, noi ci stiamo preservando, ed ogni atto che compiamo nel restare a casa, nel cercare di diminuire il contagio, o continuando a fare un atto di gentilezza rispondendo con tranquillità nei litigi domestici, o cercando di trovare un senso di buono in questa situazione, lo facciamo per amore e non per paura.

Perché io e te siamo uguali, abbiamo gli stessi bisogni, e il primo tra tutti è quello di essere trattati con gentilezza. Io non so cosa accade nella tua vita oggi, tu non sai cosa accade nella mia vita oggi, ma se siamo uguali, sappiamo che c’è un senso comune di gentilezza che ci dobbiamo a vicenda, anche se non ci conosciamo.

Quel senso di gentilezza che ci spinge a rispettare la fila, a mantenere le direttive che lo stato ci ha si, imposto, ma lo ha fatto perché tiene ai suoi cittadini, non per costrizione, non per dittatura, ma per il bene comune.

Sii gentile, perché siamo uguali, sii gentile perché siamo umani.

Articolo scritto da Agnese Torre.
Segui il blog di Agnese: QUI
Piccola biografia: Laureata in Sociologia ed attualmente laureanda Magistrale in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Roma Tre, ha intrapreso una formazione improntata sul sociale, la comunicazione e il digital marketing. 
Contemporaneamente alla formazione accademica ha intrapreso gli studi attoriali e lavora come attrice professionista ed insegnate di teatro e dizione a Roma, favorendo progetti artistico-culturali che riescano a far combaciare l’arte e il sociale.

English at home: Impara l’Inglese gratis a casa

Clausura forzata causa Coronavirus.

Al di là della normale apprensione data da una situazione che, letteralmente, è da viversi giorno per giorno, in quanto le proiezioni a 24 ore non sono capaci a farle nemmeno i medici che stanno combattendo il virus, ci siamo resi conto che, paradossalmente, questa pandemia ci sta dando una preziosa occasione, quella di riappropriarci dei nostri ritmi e delle nostre vite.

Che fare in casa? 

La famosa ironia…’sono bloccato a casa e ho scoperto che ci vivono delle persone che dicono di essere la mia famiglia’.

Ora, in casa si stanno riscoprendo le proprie passioni: chi ama i libri e ci si fionda, dato che normalmente non ha nemmeno il tempo di leggerne il titolo seduto sul wc; chi è bravo col bricolage, e sarà capace di costruirsi da solo il set panche da birreria, da piazzare in giardino per fare festa grande quando l’emergenza sarà passata.

Ancora, chi crea nuovi menù culinari che (compatibilmente con le restrizioni alle uscite per fare la spesa) Masterchef levati proprio.

C’è chi svacca sul divano di casa l’intera giornata, navigando in internet come un novello Cristoforo Colombo verso le Americhe. 

C’è chi internet lo usa per cazzeggiare, chi per informarsi. Poi c’è chi lo usa per lavorare da casa. Ora li chiamano smart workers e sono fighi, perché si immolano alla causa lavorativa portandosi le rogne a casa. Peccato che fino a tre settimane fa erano quelli che ‘tanto lavori da casa e non fai un cazzo’ . E vabbè…

Lingue straniere, queste (s)conosciute…

Io amo le lingue straniere, mi ci sono laureata anche. Internet non l’ho mai abbandonato, nemmeno dopo aver preso il famoso pezzo di carta.

Anzi, la rete è stata la mia salvezza nel contenere di un buon 60% il costo complessivo del materiale didattico per l’Università. 

Qualcuno di voi vorrebbe approfittare della clausura per rispolverare una lingua ormai caduta nel dimenticatoio o, coraggiosamente, per avventurarsi nello studio di una nuova?

Per diffusione a livello mondiale, quindi anche in Italia, e con l’idea di aiutarvi a coinvolgere bambini e ragazzi chiusi in casa, vi illustro le migliori risorse on line per lo studio della lingua inglese.

Oltre l’inglese

Per chi volesse, comunque,  provare ad affacciarsi ad un’altra lingua, esiste il fantastico sito della Goethe-Verlag, indirizzo sito.

Potrete scegliere tutte le lingue che volete, per poter avere una infarinatura di base delle parole utili nelle conversazioni di ogni giorno. Il sito, tecnicamente, non spiega regole di sintassi e grammaticali. Almeno, non come farebbe un corso di lingua fatto coi crismi, ma, considerando che si tratta di una risorsa completamente gratuita, è comunque eccezionale nei contenuti resi disponibili.

Per chi ha bisogno di avere tutto scritto, il Goethe-Verlag ha anche una sua collana di libri su Amazon. Trovate le indicazioni d’acquisto sul sito. 

Occhio che esiste anche una versione APP del sito, disponibile sia per Android che per Apple. 

Altra risorsa in rete, che sicuramente tutti conoscete, è Babbel. Credo che non ci sia bisogno di presentarvelo. La pubblicità in tv scartavetra almeno quattro volte al giorno nei periodi migliori. Per cui vi metto direttamente il link per navigare nel sito https://it.babbel.com/

Anche qui, il sito è traslato in una sua versione APP. Rispetto al Goethe-Verlag, il Babbel ha un unico vantaggio: il corso è completo. Cioè fatto secondo i famosi livelli di lingua per sintassi e grammatica (c’è il solito test d’ingresso per vedere da che livello partire).

Due gli svantaggi, che poi dipendono dai punti di vista: solo (diciamo…), 14 lingue tra cui scegliere e livelli didattici avanzati a pagamento.

Ma ora passiamo alla lingua della Highlander per eccellenza, la Queen a cui il Coronavirus fa una pippa, perché la sua, di corona, non gliela scalfisce nessuno.

Benvenuti nella mia brevissima guida delle risorse in rete per la lingua inglese. Ho preferito inserire quelle che io stessa ho utilizzato e scoperto durante gli anni dell’Uni (sono siti per l’apprendimento a vario livello, alcuni anche pensati per la didattica ai bambini), in maniera tale che possa rispondere ad eventuali domande che mi vorrete porre. 

BRITISH COUNCIL
Tre categorie d’insegnamento: LearnEnglish Central, per adolescenti e adulti; LearnEnglish Kids, per i bambini che stanno imparando l’inglese; LearnEnglish Professional per migliorare l’inglese professionale e per la preparazione agli esami come IELTS. Il link che vi ho inserito è quello dedicato alle risorse gratuite. 

BCC (in inglese)
Un must-have per chi l’inglese lo mastica già almeno a livello medio e vuole tenerlo allenato. Il famoso network britannico offre una bella opportunità per migliorare il proprio livello di inglese. BBC Skills non è un corso ma raccoglie schede, fogli di lavoro, quiz e giochi destinati a quanti vogliono migliorare le loro competenze di base in lettura e scrittura. Sempre la BBC ha prodotto una “soap opera” suddivisa in tantissimi brevi episodi: si intitola The Flatmates ed ovviamente è stata concepita a fini didattici proprio per capire ed esercitare l’inglese.

Se cliccate QUI ne vedete il primo episodio. Testo completo e possibilità di scaricare l’audio in mp3.

ENGLISH GRATIS 
Graficamente, il sito è spaventoso. Lo dico col sorriso in bocca. Un’accozzaglia di scritte e colori che rendono un po’ macchinosa la navigazione. Menomale che, subito sulla sinistra, c’è il selettore risorse, da dove, IN TEORIA, dovreste riuscire a dare un ordine agli argomenti.
Io vi dico, cliccate a caso, spunterà la risorsa che fa per voi! E’ un caos ordinato, questo sito e, meraviglia, ha anche un blog. Dedicato soprattutto a chi l’inglese lo insegna, sia agli adulti che ai bambini. Magari tra di voi addetti ai lavori questo sito non era conosciuto. Magari ve lo siete snobbato. Io lo trovo interessantissimo.

TALK ENGLISH
Grammatica di base per iniziare a capire la lingua inglese, ma lo scopo dichiarato del sito è quello di rendervi fluenti nel parlato. 
Ci sono sezioni sull’inglese idiomatico, sull’inglese business e una per sostenere un colloquio di lavoro in lingua.

JOHN PETER SLOAN
Troppo forte, John…E che facevo, non lo mettevo in elenco? Ma quando mai!
Il giullare della lingua inglese, l’Ambasciatore dell’idioma della Highlander coronata citata a metà articolo, in Italia è famosissimo per i suoi libri sull’apprendimento divertente della lingua di Elisabetta. Ma anche i suoi semi-demenziali video su Youtube hanno il loro perché.
Il sito, in realtà, è più un contenitore di pubblicità alla sua scuola in Italia e agli spettacoli in giro per lo Stivale, ma le sezioni Audio Guide e Free Download, benché relative al contenuto dei suoi libri, possono essere scaricate gratuitamente. Sta, poi, a voi, valutare un eventuale acquisto dei suoi libri. 

WORDREFERENCE
Cito questa risorsa perché, pur non essendo di un corso di lingua, è un complemento di studio obbligatorio. Penso che ogni studente lo conosca, consento l’ignoranza di tale strumento solo agli over 60. 
Wordreference è probabilmente il migliore dizionario di lingue on line tra quelli gratuiti. Io lo uso spesso nei miei lavori di traduzione, per evitare di stare a sfogliare i dizionari cartacei. 
Se volete un’idea dell’utilità di questo strumento, guardate cosa esce se si vuol tradurre, ad esempio, in inglese la parola italiana ‘studiare’.
Aprite il link https://www.wordreference.com/iten/studiare

Articolo scritto e ideato da Katia.
Segui i suoi blog: QUI e QUI
Classe 1980, nata in Germania, cresciuta nella calda Puglia respirando il profumo di focaccia barese, dal 2015 vivo tra le cupole rinascimentali della splendida Toscana.
Sono laureata in lingue e la mia è una famiglia inter-adriatica, perché unisce Italia e Albania. Viaggio poco nella realtà ma tanto con la mente, grazie alla lettura e alla scrittura, le mie più grandi passioni.
Vivo ogni giorno come fosse l’ultimo, non dico mai di no a prescindere e dedico ogni  traguardo raggiunto a mia figlia Alba, il  miglior regalo che la vita potesse farmi alla soglia dei 40. 

I segreti per sopravvivere alla quarantena!

Per te che sei abituato o abituata ad andare sempre di corsa questi giorni possono essere difficili, ma possono essere complicati anche per te che invece a casa sei abituato o abituata a viverci in solitudine, e ti ritrovi con degli intrusi che invadono il tuo spazio, si lo so, sono solo i membri della tua famiglia, ma la convivenza ravvicinata e forzata senza più distinzione degli spazi può essere motivo di malessere. 

Qualunque sia il tuo caso, a casa dobbiamo starci tutti perché non c’è altro che tu possa fare per prenderti cura di chi ami. 

Quindi passati i primi giorni di vacanza in cui un pó per gioco e un pó per paura hai preso la forma del divano, è arrivato il momento di ritrovare una tua routine personale. 

Non perché bisogna essere necessariamente produttivi, ma perché anche se questa ti sembra una pausa dalla tua vita, non lo è. La tua vita è dove sei tu, in ogni momento, in ogni ora. Tu sei qui adesso a casa tua, e io lo sono a casa mia, ma non abbiamo finito di esistere. 

I nostri impegni sono cambiati e probabilmente ci vorrà ancora qualche tempo prima che tu ed io possiamo tornare alle nostre abitudini, quindi cerca di trovare dei nuovi ritmi per te stesso o te stessa. 

Non dico che tu debba alzarti ogni mattina alle sei, ma cerca di mantenere invariati o almeno non troppo casuali gli orari del sonno e del cibo. 

Cerca di non andare a dormire troppo tardi, così la mattina avrai tempo per dedicarti comunque a qualcosa. Cerca di essere regolare con i pasti e di non eccedere con gli spuntini, stare a casa è una tentazione, ma prova ad ascoltare il tuo corpo, mangia quando hai fame e non quando devi riempire il vuoto delle cose che eri abituato a fare, questo ti aiuterà a mantenere una routine quotidiana e farà bene anche al tuo corpo. 

Sia benedetto chi ha inventato il pigiama, io stessa sono una grandissima fan del pigiama, ne ho di tutti i tipi, ma non posso restare in pigiama per giorni, o meglio potrei farlo, ma non credo sia una buona idea. Prova a lavarti, e magari metti degli abiti comodi ma mantieni una distinzione tra il pigiama e il resto della giornata. Ma soprattutto fai in modo che le persone anche se in quarantena possano stare nella tua stessa stanza, quindi lavati, non solo le mai. 

Una donna quando ha i capelli puliti si sente meglio, fallo per te stessa perché l’unica vera persona per la quale devi sentirti e vederti bella, sei tu. E voi uomini non perdete la vostra routine quotidiana se siete soliti fare la barba, fatela, lo stesso discorso vale anche per voi. Prendetevi cura del vostro corpo, specialmente ora ha bisogno di coccole. 

In questi giorni le possibilità sono davvero tante, così tante che potrebbe esserci l’imbarazzo della scelta. Hai il tempo di dedicarti a tutte quelle cose che hai sempre rimandato per mancanza di tempo, pulizie, telefonate, progetti, passioni, libri, film. Insomma quello di cui avevi bisogno era solo il tempo, ora lo hai, godine ogni singolo istante, ma soprattutto, sta vicino alle persone che ami. 

Chiamale, scrivi, manda messaggi, foto, condividi con loro ciò che stai facendo. Abbiamo la fortuna di vivere nel mondo della tecnologia digitale, abbiamo solo bisogno di spolverare un po’ di fantasia perché abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per superare questo momento. Ci mancano gli abbracci e uscire di casa, ma sono certa che con un pizzico di creatività possiamo superare insieme questo momento. Coraggio, andrà tutto bene. 

Articolo scritto e ideato da Agnese Torre
Segui il blog ‘Pensieri alla Luna’ di Agnese: QUI
Piccola biografia: Laureata in Sociologia ed attualmente laureanda Magistrale in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Roma Tre, ha intrapreso una formazione improntata sul sociale, la comunicazione e il digital marketing. 
Contemporaneamente alla formazione accademica ha intrapreso gli studi attoriali e lavora come attrice professionista ed insegnate di teatro e dizione a Roma, favorendo progetti artistico-culturali che riescano a far combaciare l’arte e il sociale.

COMANDINI X MAIEUTICAR

Abbiamo avuto l’opportunità e il piacere di scambiare due chiacchiere con una delle personalità più influenti in Italia, se si parla di social media, blockchain e criptovalute… in un nome solo: Gian Luca Comandini.
Gian Luca ha fondato, a soli 23 anni, “You & Web“, una società di pianificazione di strategie virali di marketing digitale e web reputation.
Oltre ad essere un imprenditore, è professore presso ‘La Sapienza‘ di Roma, ma riesce a fare delle tappe in diverse università dello stivale, svolgendo seminari seguitissimi da tutti gli studenti.
E’ uno dei massimi esperti italiani di criptovalute e tecnologia blockchain.
Potremmo continuare per diverse pagine a raccontare la sua carriera e le sue passioni, ma preferiamo farvi conoscere il suo punto di vista e farvi godere la nostra intervista!

Ciao Gian Luca, come stai? Visto che sei stato recentemente a Palermo, vorrei chiederti cosa ti piace di Palermo e della Sicilia in generale…

Amo la Sicilia, tutte le volte che posso trovo scuse per scendere. Sembra scontato ma ciò che is nota fin da subito è l’affetto e lo spirito di accoglienza dei siciliani verso gli ospiti. Poi inutile a dirlo: IL CIBO!!

Ti definisci un imprenditore o tale qualifica, in Italia, è limitativa per una personalità come la tua? 

Imprenditore mi va bene, spesso non riesco ad inquadrarmi in un ruolo preciso, facendo moltissime cose: professore universitario, consulente per il governo, speaker in radio e tv, e molto altro, però dato che la prima caratteristica del buon imprenditore è la diversificazione, direi che sto diversificando anche troppo e che quindi definirmi imprenditore è più che legittimo.

Com’è nata l’idea di ‘You & Web’? Raccontaci la tua esperienza e le difficoltà che hai riscontrato…

“Ero giovane, la pubblicita sui social network ancora non esisteva ed era chiaro come il mercato pubblicitario si stesse spostando da offline ad online, ho voluto anticipare quel mercato, ho cercato amici con cui iniziare l’avventura imprenditoriale ma nessuno di loro era interessato a sacrificare studi o altri tipi di lavoro per “rischiare” tanto. Così sono partito da solo e per mia fortuna il mercato mi ha dato ragione fin da subito. All’inizio non c’era quasi concorrenza, oggi spuntano web agency come funghi e per questo stiamo usando la nostra storicità nel campo per spostarci su altre branche del settore. Non è vero che servono soldi per partire, io sono partito senza un euro, avevo un’idea chiara e dei risultati che potevano dimostrarla, poi è stato facile trovare i primi clienti.”

Come pensi si possano evolvere i social network in futuro?

“Ormai stanno rischiando di riportarci ad essere società tribali, finiremo per uscire solo con chi la pensa come noi o tifa la nostra stessa squadra di calcio, non avremo più voglia di conoscere persone diverse da noi, con altri interessi, o di ascoltare generi musicali al di fuori del nostro branco sociale di appartenenza. Questo è un rischio concreto. Spero che le multinazionali hitech possano mettere mano subito al loro modello di business e al loro concetto di “rete sociale”. In futuro mi auguro possano esserci più social network capaci di veicolare pensieri e opinioni diverse, ma soprattutto una conoscenza corretta prima ancora che un’opinione. Ecco questo oggi non avviene, oggi si pensa a diffondere l’opinione, spesso senza neanche una conoscenza alla base.”

La tua seconda passione è il mondo ‘blockchain’, spiegaci in brevissimo questo complicato mondo e come pensi si evolverà tale fenomeno? L’Italia è pronta secondo te?

Blockchain significa “catena di blocchi”.
Non è altro che un registro pubblico, decentralizzato e distribuito tra più partecipanti ad una rete. Tutto ciò gestito in estrema sicurezza da crittografia, matematica e informatica. Molto più sicuro di un essere umano, che ad oggi può sbagliarsi in buona fede o addirittura essere corrotto. La blockchain no. Ormai sempre più aziende e istituzioni stanno investendo miliardi in questa tecnologia, è un punto di non ritorno. Vedo un nuovo “internet” davanti a noi e sarà un’epoca bellissima, oltre che veloce…”

Il ministero dell’innovazione potrebbe aiutare il nostro paese, spieghiamo il perché ai nostri lettori…

Sì, sono anni che dico che ce ne sarebbe bisogno.
Finalmente è stato fatto!
Anche la persona individuata è di altissima competenza.
Spero proprio che possa essere la volta buona per andare incontro ad una vera digitalizzazione e perchè no blockchainizzazione del nostro paese, vediamo che succederà!

Concludiamo con il consiglio di tre libri da leggere...

1) La spinta gentile di Cass Sunstein
2) Breve storia di quasi tutto di Bill Bryson
3) Homo Deus di Harari

Ciao ragazzi, in bocca al lupo!

I canali social network di Gian Luca Comandini:

Ringraziamo Gian Luca Comandini per essere stato cordiale e super disponibile con il nostro team!
Alla prossima!


Maieuticar è un portale che tratta argomenti di informazione digitale, di comunicazione-marketing e contenuti di intrattenimento.
Nel nostro portale puoi trovare svariatissimi contenuti, tutti fruibili in maniera gratuita, da argomenti di marketing e comunicazione fino ad interviste fatte a personaggi dello spettacolo a livello siciliano e nazionale.
Nati e cresciuti in Sicilia.
Seguici
per rimanere connesso!

INTRO RUBRICA #CONSIGLIO

Ciao!
Ti do il benvenuto nel blog ‘Maieuticar’!

Il nostro blog ha l’obiettivo di renderti partecipe ai nostri contenuti ed ampliare le tue conoscenze nelle materie economiche, infatti nel nostro portale troverai news di economia, analisi di aziende e di fatti economici, consigli e condivisione di idee imprenditoriali.
Ma non solo, l’idea è anche creare contenuti di svago, dando magari anche una ‘lettura economica’ delle fattispecie analizzate.

Ci sarà anche una mia rubrica che si baserà su delle mie osservazioni, esperienze puramente personali e consigli che mi permetto di dare.. magari da poterti aiutare o saper scegliere l’azione migliore da effettuare nel mondo lavorativo e aziendale!

Mi presento:

Mi chiamo Riccardo Susinno, sono un ragazzo di 20 anni che sta per entrare al terzo anno della facoltà di economia ed amministrazione aziendale.

Il motivo che mi ha spinto ad aprire questo blog è che io amo confrontarmi con persone che hanno punti di vista differenti dal mio, credo tanto nel confronto e nel rispetto delle idee altrui, credo che solo tramite un’analisi condivisa si possa acquisire qualcosa in più.

L’idea è di trasformare questo blog in un momento dinamico di riflessione e considerazioni, ma proverò a non annoiarti!

Quindi il #consiglio che oggi ti do è: iscriviti al blog e seguici sui canali social!!

A presto.