Amiamo l’Italia anche domani

Nelle ultime settimane abbiamo assistito a numerose manifestazioni d’affetto per il nostro Paese: le serenate dai balconi, l’inno di Mameli trasmesso a reti unificate in tutte le radio, bandiere sventolate con orgoglio nelle terrazze e in generale un sentimento di solidarietà che ha invaso tutta la penisola.

Non eravamo più abituati a tanto patriottismo, ci mancava davvero quello spirito d’italianità che ci contraddistingue solitamente solo con i nostri azzurri del calcio e, probabilmente, tanti di quei tricolori svolazzanti portavano ancora addosso la polvere delle cantine da quell’ormai lontana estate del 2006, quando Marco Civoli ai microfoni Rai urlava emozionato “il cielo è azzurro sopra Berlino! Siamo campioni del Mondo!”.

Si sa che poche cose smuovono un popolo latino come il nostro, una è sicuramente il calcio, l’altro fattore lo stiamo conoscendo ora, e si chiama dolore. Il dolore che invade una nazione intera che, dopo la Cina, sperimenta per prima sulla propria pelle un sentimento di paura e immobilità che pian piano ha invaso prima il resto d’Europa, poi il mondo intero.

La vera domanda è: quanto durerà questa ritrovata unità nazionale che ci ha travolto improvvisamente?

Le continue lotte Nord-Sud e gli inutili campanilismi sono stati messi da parte per affrontare come fronte unito un nemico comune, che non fa distinzioni territoriali.

Anche una parte della politica sembra aver capito che gli interessi di un popolo vengono prima di quelli partitici, anche se, come sempre, ci sono delle eccezioni, ma noi non faremo nomi e cognomi.

Quando tutto sarà finito, perché prima o poi finirà, ci troveremo a raccogliere i cocci di una Nazione la cui economia è stata messa in ginocchio da qualcosa di più imponderabile di ciò che ha scatenato la crisi del 2008, qualcosa di strutturalmente diverso, che non significa necessariamente peggiore.

Perché allora è crollato un determinato tipo di sistema economico basato sui mutui subprime che, a catena, ha scatenato una spirale recessiva sempre peggiore anche fuori dagli USA.

In questo caso parliamo di una sospensione economica “forzata”, paragonabile a quella causata da una guerra, alla quale necessariamente seguirà una ripresa.

E quando ci sarà questa ripresa, noi dovremo esserci.
Parlo di noi rivolgendomi a tutti quei giovani che per primi hanno il dovere di credere in una Nazione che solo ora ha riscoperto l’unità e l’amore di un popolo che ha un enorme potenziale per dare di più e far vedere al resto d’Europa che le risorse umane non mancano. Perché è giusto valorizzare non solo le nostre bellezze culturali e paesaggistiche, ma anche le menti brillanti che ogni giorno vengono sfornate dalle università italiane.

Abbandoniamo definitivamente questo stereotipo prettamente italiano che vede nel mito esterofilo una promessa di successo, come se la soluzione a tutti i mali fosse scappare in un altro paese e lasciare la scuola che ci ha formato culturalmente, donandoci quella creatività, quell’estro e quel genio che ha reso l’Italia patria di Dante, Leonardo, Galileo, Alessandro Volta e Brunelleschi.

Certo, i problemi strutturali ci sono, nessuno lo nega, ma siamo sicuri che la soluzione sia lasciare che qualcun altro se ne occupi? Oppure spetta a noi rimboccarci le maniche e dare per primi l’esempio di una generazione che vuole essere ricordata per quella che ha avuto il coraggio di prendere per mano l’Italia e tirarla fuori dal guado della crisi scatenata dal Coronavirus?

Le eccellenze italiane non mancano, ma dovrebbero essere ancor più valorizzate ed essere guardate come esempio, piuttosto che prendere come punto di riferimento solo le Start Up della silicon valley.

La silicon valley italiana può essere la Lombardia, la Sicilia, la Toscana, il Veneto o l’Umbria; ogni regione, ogni comune, ogni frazione può essere la culla di qualcosa di importante se i primi a crederci siamo noi giovani.

E allora ben vengano le iniziative personali, le idee pazze, le idee improbabili, i progetti fatti con amici con l’idea di sbarcare il lunario, anche se potremmo fallire miseramente. Perché l’importante è rialzarsi ogni volta, credere ciecamente in ciò che si fa e non abbandonare gli obiettivi solo perché qualcuno dice che “in Italia non funziona niente”.

La verità è che in Italia non vogliamo far funzionare niente, perché è la scusa dei mediocri, di quelli che si arrendono e preferiscono dare la colpa a un sistema malato, facendo combattere qualcun altro contro i mulini a vento.

Il Coronavirus ce lo sta insegnando: otteniamo risultati solo se siamo uniti, se tutti agiamo con solidarietà e determinazione.

Quindi non ascoltiamo le cassandre della crisi, chi sputa nel piatto dove ha mangiato per una vita, prevedendo per le nuove generazioni un futuro di stenti dove l’unica soluzione possibile è fuggire, come i nostri bis-nonni con il mito dell’America.

Il mito è l’Italia, lo è sempre stato, non lo riconosciamo perché siamo sempre stati troppo impegnati a farci la guerra per una partita di pallone, a proclamare le indipendenze regionali o a riempirci la bocca con il populismo da social network.

Abbiamo un patrimonio immenso, una civiltà che tutto il mondo ci invidia e ora abbiamo anche dimostrato di poter essere anche un popolo davvero unito.

Dimostriamolo sempre, per davvero, prendiamoci per mano noi giovani per primi e senza guardare indietro puntiamo al futuro, mantenendo i piedi sulla terra del Paese più bello del mondo.

Articolo scritto da Andrea Caenazzo

Lucio Battisti nella cultura popolare Italiana: pensieri e parole

In questi giorni di quarantena ho compreso quanto l’identità di una comunità passi per la condivisione di alcuni fattori che, comunemente e naturalmente, vengono assorbiti dai vari soggetti che fanno parte di quella determinata comunità, o che si identificano in quell’ecosistema di valori etici, morali, costituzionali e storici, che d’altronde, formano le diverse culture di ogni paese.
Questo fattore è più acuto in un periodo complicato, come quello che stiamo vivendo, dove ogni soggetto cerca ‘una culla’ che lo accudisca.


In Italia abbiamo avuto una cultura piena di tantissimi fattori che l’hanno forgiata o comunque indirizzata, ma sicuramente, nella cultura nazional-popolare del Bel paese un grande artefice è stata l’industria musicale con i suoi artisti visionari, creativi e, molto spesso, in contro tendenza con la moda del momento.
Basti pensare che uno degli spettacoli ed eventi più attesi dell’Italia è proprio il festival di Sanremo; tale evento, di caratura mondiale, viene finanziato con i tributi e tasse che ogni cittadino paga all’erario, quindi, possiamo comprendere quanto l’arte musicale sia di fondamentale importanza per l’Italia e gli Italiani.
E’ la forma d’arte che sicuramente ci sensibilizza ed orienta più facilmente.


D’altronde, nel mondo, la musica è una delle forme d’arte più comunicative che esista, soprattutto in un periodo in cui per accedervi bastano dei semplici click su piattaforme digitali.


Tanti artisti hanno influenzato la cultura nazional-popolare, ma ho deciso di iniziare questa rubrica, che tratterà diversi autori, con uno degli artisti italiani più riconosciuti ed eterni: Lucio Battisti.

Molti dei suoi versi sono diventati degli slogan per noi tutti, basti pensare a “lo scopriremo solo vivendo!”, “è la paura che inquina e uccide i sentimenti”, “una giornata uggiosa” e tanti altri (lo stesso Mogol in un’intervista alla Rai affermò tale concetto).

Lucio ha realizzato circa 20 album in quasi 28 anni di carriera musicale.
Ma la domanda che mi sono posto per scrivere tale articolo è stata:
”Come mai Lucio Battisti ha influenzato così tanto la cultura popolare rispetto altri artisti italiani?”

Secondo me ci sono tanti fattori, tutti importanti e intercambiabili.

Il primo riguarda il momento storico in cui Lucio ebbe successo.
Erano gli anni 70’, anni non semplici per l’Italia.
Manifestazioni in piazza, politica studentesca scottante, attacchi terroristici di movimenti estremisti, attentati, guerre di Mafia e tanto altro che hanno caratterizzato quegli anni.


In un momento così crudo, di sangue e instabilità, alle radio e ai vinili si poteva ascoltare un ragazzo che, invece, parlava di storie d’amore e di vita. Un sognatore. Un visionario che raccontava amori passati, amori futuri e camminate su delle colline e monti, magari con un fiore in bocca in mezzo a qualche ciliegio, rincorrendo un sogno o un amore infranto.


Lucio aveva una sensibilità innata, dove i suoi testi raccontano storie d’amore, ricordi, di speranza e di vita.
Possiamo così comprendere come un Italiano, in quel periodo, poteva ‘rifugiarsi’ nelle canzoni di Lucio, dimenticando il periodo aspro e complicato che stava vivendo lo stivale.
Arriviamo così al secondo fattore che ha portato Lucio nella cultura nazional-popolare che è proprio il suo disimpegno ai contenuti politici e il distacco dai giornalisti.


Lucio non ha mai toccato tematiche politiche e stava lontano dai giornalisti, lo stesso Lucio, in un intervista ha dichiarato che voleva solo raccontarsi con la musica, senza più apparizioni in tv o live musicali.
Esistevano solo i suoi vinili. La sua musica, i suoi versi.

Questo ha portato ad un distacco tra l’artista e tutti gli ascoltatori, questa lontananza è riuscita a far ad apprezzare maggiormente l’artista e, per tutti gli ascoltatori, immedesimarsi nei suoi versi.

Era il rifugio di tutti. Quindi immaginiamo come possa aver dato conforto e aiuto, o anche semplicemente far passare dei momenti divertenti e spensierati ad una moltitudine di persone, staccando dalla vita politica, studentesca, lavorativa e dal mondo intero.


Ma d’altronde oggi è ancora in grado di farlo.
Mi ha sorpreso la presenza di commenti, su YouTube, attualissimi, dove ringraziano Lucio ‘per la vicinanza’ in questo periodo complicato per noi tutti, a fine articolo trovi i commenti.

Quindi, Lucio è tutt’ora una culla per noi Italiani. Riusciamo a sognare ascoltando la sua voce, che è eterna.
Tutti gli italiani hanno un amico che può consolare, riuscendoci a  farci immaginare cieli immensi e praterie dove poter correre, rotolare e respirare piano.

Non è un caso, se in un periodo complicato come quello che il sistema sanitario italiano sta vivendo, per colpa del viscido COVID-19, il personale sanitario in prima linea, in trincea, ha utilizzato le note de ‘il mio canto libero’ per creare ‘un inno’ per affrontare questa emergenza.

A tutti noi che ci aspetta una ripresa socio-economico incredibile per il nostro paese, forse, ripartendo da alcuni concetti di benevolenza, amore e coraggio, che Lucio ha inciso nei suoi vinili, potrebbero rendere questa risalita più gagliarda e coesa, producendo una Italia più rosa, fresca, unita ed eterna.
Amarci di più, basterebbe questo.


Grazie Lucio.

Alcuni commenti attuali su YouTube:

Alcune foto di Lucio Battisti trovate sul web e condivise senza scopo commerciale o di lucro.

Articolo di Riccardo Susinno.

NOTA:
La grafica utilizzata del ritratto di Lucio è di ‘Lorenzo Imperato Illustration
Per l’associazione culturale CrunchEd‘ 

Sii gentile

Ciao, come stai? Sai noi non ci conosciamo, ma a me sembra che tu ed io ci conosciamo da sempre, e se hai la pazienza di leggere queste righe, ti spiego il perché.

Io ho due mani, due gambe, due occhi, un solo naso, una sola bocca, ho dei capelli, ho anche dei peli, e come ultimo, ma forse per primo sono una donna, certo tu potresti dirmi che tu che stai leggendo queste parole sei un uomo, ed allora alla luce di questo fatto io e te non siamo poi così uguali, anzi siamo proprio diversi, eppure che tu sia un uomo o una donna, perché anche le donne sono tutte diverse lo sai? Beh, io credo che io e te, io qui a scrivere e tu, dall’altra parte dello schermo, siamo uguali e sai perché?

Perché se ti dicono qualcosa di divertente ridi, se ti accade qualcosa di brutto piangi, se sbatti il mignolo del piede sinistro ad uno spigolo urli, se qualcuno ti dice ti amo sei terrorizzato oppure senza fiato dalla felicità, e se qualcuno fa qualcosa che non ti piace, ti arrabbi.

Ecco sulla base di questo, mettiamo che io e te, che non ci conosciamo, che abbiamo una storia diversa, viviamo in luoghi diversi, e la nostra genetica è assolutamente differente, siamo uguali.

Siamo uguali perché io ho le mie battaglie, e tu hai le tue, io ho i miei desideri e tu i tuoi, ma hai a modo tuo ognuna di queste cose.

Quando ci è stato chiesto di fermarci la tua vita era lì con te e le conseguenze di questo blocco, ti hanno portato lontano dai tuoi cari, ti hanno esposto a un rischio altissimo, e questo vale sia per chi ha la possibilità di stare in casa, ma vale soprattutto per tutti quelli che stanno dando il loro tempo per salvare ogni singola vita di questo paese.

C’è chi lavora in un ospedale o nelle forze dell’ordine e anche loro hanno una famiglia, lo sai? Sono madri, padri, mogli, mariti figli, figlie, sorelle, fratelli e magari non possono vedere i propri cari per non metterli a rischio, c’è chi lavora in un supermercato e mette la sua vita in pericolo per permetterti di continuare a mangiare, o ci sei tu che sei a casa, e magari sei tornato dall’estero e non hai potuto abbracciare i tuoi cari anche se non li vedevi da tanto, o tu invece che vivi in casa con dei genitori anziani, malati, disabili, sai che sono fragili e per il loro bene hai limitato la tua vita, o ci sei tu che hai una famiglia e non puoi permetterti di non lavorare se vuoi darle da mangiare.

Quello che sento ripetere più spesso in questi giorni è che dobbiamo limitarci.

Ecco, io direi che forse dire che “ci stiamo limitando”, che “ci stiamo chiudendo” sono parole che portano a pensieri negativi, e ad un senso di oppressione del quale non abbiamo veramente bisogno in questo momento.

Se dobbiamo combattere i pensieri negativi ed evitare il terrorismo psicologico a cui alcuni media che fanno mala informazione ci stanno esponendo, allora iniziamo a utilizzare parole di apertura.

Io, che non sono nessuno, ma so come ci si sente ad essere amata dai miei cari e che faccio del mio meglio per amarli a mia volta, ti direi che noi non ci stiamo limitando, ma ci stiamo prendendo cura, noi non ci stiamo chiudendo in casa, noi ci stiamo preservando, ed ogni atto che compiamo nel restare a casa, nel cercare di diminuire il contagio, o continuando a fare un atto di gentilezza rispondendo con tranquillità nei litigi domestici, o cercando di trovare un senso di buono in questa situazione, lo facciamo per amore e non per paura.

Perché io e te siamo uguali, abbiamo gli stessi bisogni, e il primo tra tutti è quello di essere trattati con gentilezza. Io non so cosa accade nella tua vita oggi, tu non sai cosa accade nella mia vita oggi, ma se siamo uguali, sappiamo che c’è un senso comune di gentilezza che ci dobbiamo a vicenda, anche se non ci conosciamo.

Quel senso di gentilezza che ci spinge a rispettare la fila, a mantenere le direttive che lo stato ci ha si, imposto, ma lo ha fatto perché tiene ai suoi cittadini, non per costrizione, non per dittatura, ma per il bene comune.

Sii gentile, perché siamo uguali, sii gentile perché siamo umani.

Articolo scritto da Agnese Torre.
Segui il blog di Agnese: QUI
Piccola biografia: Laureata in Sociologia ed attualmente laureanda Magistrale in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Roma Tre, ha intrapreso una formazione improntata sul sociale, la comunicazione e il digital marketing. 
Contemporaneamente alla formazione accademica ha intrapreso gli studi attoriali e lavora come attrice professionista ed insegnate di teatro e dizione a Roma, favorendo progetti artistico-culturali che riescano a far combaciare l’arte e il sociale.

ITALIA, RIALZATI E SPLENDI!

Oggi sono uscito per la prima volta, dopo l’annuncio del presidente Conte di aver dichiarato l’Italia come zona rossa, per l’emergenza sanitaria che sta colpendo il mondo intero e la nostra nazione causata dal COVID-19, più comunemente conosciuto con il nome corona virus.

Ero uscito per fare la spesa recandomi al supermarket vicino casa mia.
Non pensavo che un’uscita del genere mi potesse emozionare così tanto e far riflettere, fino a portarmi a scrivere queste righe.
E’ stato un’insieme di emozioni contrastanti.

Vedere persone di qualsiasi età portare quella mascherina, quei guanti, star lontano a distanza ‘di sicurezza’, cercare di schivarsi, percepire la paura delle persone nel contatto tra le stesse.
Assaporare la tristezza, da parte dei clienti fedeli del supermarket, di non poter stringere la mano, come segno di rispetto ed educazione, ai vari addetti ai lavori del negozio, per paura di essere contagiati o contagiare.
Queste misure le dobbiamo seguire immancabilmente. 
Sono drastiche ma non possiamo non seguirle. 

Per un bene comune, per i nostri cari, per resistere a questo virus e vincerlo. Annientarlo.
Questa uscita mi ha fatto collegare, una volta tornato a casa, diversi pensieri e sono arrivato ad una conclusione: siamo un grande popolo, siamo una grande nazione!

L’Italia oggi sta soffrendo, non sta brillando.
Gli Italiani stanno soffrendo ma allo stesso tempo noto un grande senso civico che ha fatto comprendere alla maggioranza delle persone che si deve rimanere a casa per evitare un contagio e far collassare il nostro sistema sanitario.


Da quando è iniziato questo incubo ho visto un’Italia forte. Un’Italia che forse ci eravamo dimenticati esistesse.
Un’Italia che non vuole darla vinta ad un essere mutevole e viscido.
Un paese che non noti (o apprezzi) nei momenti di vita quotidiana, poiché non ti rendi conto delle grandi personalità presenti nel territorio, della storia e delle possibilità che possiede.

Ho visto lavoratori iniziare a lavorare da remoto (cosiddetto smart working) senza alcun preavviso, professori erogare la didattica online, studenti seguire tali lezioni con serietà da casa e portare avanti gli studi, liberi professionisti ed esperti di settori differenti rilasciare corsi online gratuiti, musei regalare delle ‘visite online’ ai cittadini, ristoranti effettuare consegna domicilio gratis, noti personaggi dello spettacolo effettuare donazioni per far fronte a questa crisi… e tanto altro.
Ci siamo adattati in tempi record.
Tutti gli italiani si sono adoperati per un bene comune e un valore condiviso da tutti: uscire il più presto da questa crisi e uscirne uniti, più forti di prima!


Un ragionamento che possiamo svolgere per vivere meglio questa situazione drastica è prendere i lati negativi di questo momento e cercare di analizzarli, rendendoli dei fattori positivi o comunque ponendo un accento costruttivo e di analisi.

Conseguenza di questo ragionamento, son convinto che, finendo tale emergenza (perchè sì, usciremo da questa crisi mondiale), saremo un paese più unito.
Stiamo comprendendo che il virus sta attaccando chiunque; è veramente un elemento “democratico”, se così possiamo affermare, non trovando distinzioni tra Nord e Sud, tra Ricco e Povero, tra Operaio e Imprenditore. 

Sì, al momento ci sono molti più casi al Nord Italia rispetto il Sud, ma stiamo agendo uniti, come paese; senza distinzioni politiche, sociali, economiche, culturali, territoriali o altro che ci dividono troppo spesso in questo paese.
Siamo tutti una grande zona rossa, siamo tutti vicini alle famiglie che perdono i propri cari, all’intero personale sanitario ogni giorno in prima linea, alle forze dell’ordine e a chi, nonostante la situazione, porta avanti il proprio dovere.

Questo concetto lo possiamo estendere al mondo intero, auspicandoci con il cuore in mano l’inizio di una nuova era mondiale.

Ripartire. Ricominciare. Vincere. Sorridere. Torneremo ad abbracciarci, ed ogni istante varrà molto di più. Ci ameremo di più, ci vorremo più bene.
Ci sarà più rispetto nel mondo comprendendo quanto le nostre vite sono di passaggio, e che, respirando un ambiente nuovo e puro, potremo rendere questo passaggio eterno. 

Italia, rialzati e splendi.

Articolo scritto e ideato da Riccardo Susinno